Si avvicina inesorabilmente il 18 settembre, data in cui gli scozzesi saranno chiamati a decidere sull’indipendenza dal Regno Unito. Lo shock dei recenti sondaggi, che hanno visto un netto recupero dei “SI”, sembra essere stato metabolizzato dai mercati. La sterlina, dopo le violente vendite accusate a inizio settimana, è tornata a stabilizzarsi nelle ultime sedute, grazie anche a una riduzione dei timori sulla separazione della Scozia.

METEO CAMBI: PROBABILE VOLATILITA’ DELLA STERLINA SINO A VENERDI’

La prossima settimana, da domani quindi, potremmo tuttavia assistere a un ritorno della volatilità. Ci aspettiamo che la sterlina rimanga sotto pressione almeno sino a venerdì mattina, quando si conosceranno i primi risultati del referendum scozzese. Nonostante l’esito dei recenti sondaggi, la nostra sensazione è che i “NO” prevarranno. Sarebbe troppo costoso per la Scozia isolarsi economicamente, politicamente e socialmente dal Regno Unito. Inoltre si solleverebbero una serie di dubbi sulla valuta da adottare e su una serie di istituzioni, che ora fanno capo a Londra. Probabilmente si cercherà un compromesso, principalmente politico, che concederà alla Scozia maggiori autonomie parlamentari.

QUANTO PUO’ RECUPERARE LA VALUTA BRITANNICA

Alla luce di quanto esposto, la sterlina dovrebbe recuperare sensibilmente terreno verso tutte le valute. In particolare il cambio Gbp/Usd (sterlina/dollaro), che è passato nell’arco di poche sedute da 1,66 a 1,60, potrebbe tornare verso i livelli di inizio mese (1,65).  Anche il cambio Eur/Gpb, che nelle ultime sedute è tornato a posizionarsi sopra 0,80, potrebbe riprendere il trend discendente avviato nel 2013. Su questo cambio le nostre aspettative vedono una discesa sino in area 0,77, minimi dal 2008.

Le considerazioni si sposano anche con l’attesa di un rialzo dei tassi di interesse da parte della Bank of England nei primi mesi del 2015, così come ha precisato lo stesso Carney, governatore della Banca centrale britannica, la scorsa settimana.

Vincenzo Longo - Market Strategist IG Italia

Per ulteriori approfondimenti: http://www.ig.com/it/news-e-analisi-di-mercato

photo credit: HowardLake via photopin cc