Borse: movimenti, novità e consigli di acquisto. 

Certamente l’oltre 40% di performance di Moncler al suo esordio in Borsa è fragoroso, ma in realtà più rimbombante e inatteso è il rimbalzo dei listini europei, con Milano in prima linea (+2,34%). La produzione industriale americana in crescita dell’1,1% ha spinto Wall Street al rialzo, ma il tono positivo si era visto già alle 10,00 di questa mattina, quando gli acquisti avevano accelerato sul vecchio Continente. Anche da noi si comincia a intravedere una luce di speranza sul fronte economico, sebbene si stia accentuando il divario fra Francia, dove i dati non sono positivi, e Germania, dove tendono al miglioramento. Da molte sedute non si vedeva un Euro Stoxx 50 con tutti segni verdi (salvo ArcelorMittal). E per buona parte dei titoli gli aumenti sono stati di oltre il 2%. A Milano le banche protagoniste, ma su tutte ha dominato Telecom Italia, cui dedichiamo l’evidenza di titolo del giorno.

IL TITOLO DEL GIORNO: TELECOM ITALIA

Telecom Italia, appunto, già dall’esordio in perfetta forma: poi con il passare delle ore è riuscita superare anche la barriera psicologica degli 0,70 euro, per tornare in seguito sotto e chiudere a 0,696 euro (+5,06%). Il rafforzamento del gigante dei fondi d’oltre Oceano Blackrock, che ora detiene il 7,789% del suo capitale, non è notizia da poco. Molti investitori sanno che quando questo istituzionale si muove cambia il vento (e quasi sempre favorevolmente!). E’ successo anche oggi. C’è aria di Opa (offerta pubblica di acquisto), anche se per ora non è chiaro da quale fronte possa arrivare (Vodafone, gli americani o gli spagnoli di Telefonica?)

E’ da comprare? Se Giuseppe Vegas, Presidente della Consob, in un’intervista, sostiene “ben venga chi lancia un’Opa”, ci sono due sole possibilità: o sa già qualcosa (e allora acquisti a manetta) oppure ipotizza (e allora qualche acquisto). Una Sim italiana, Equita, parla invece di caos e di appeal speculativo, condizioni che farebbero pensare a veloci operazioni di trading. Certo è che la permanenza sotto il livello degli 0,70 euro è invece un segnale tecnico, da valutare per le prossime sedute, sebbene la vera resistenza fosse posta a 0,69 euro.

Trend fase di estrema volatilitàSupporti chiave: 0,666 e 0,635 euro – Resistenze chiave: 0,718 e 0,767 euro

L’ETC DEL GIORNO

Il future di gennaio sul gas naturale oggi è stato incerto, ma è reduce da una volata che dura ormai dal 3 novembre. Le previsioni nelle settimane scorse non erano ottimistiche, ma il natural gas le ha smentite, tornando di brutto sopra i 4 dollari, sui valori più alti degli ultimi due anni e mezzo, a causa soprattutto dell’ondata di freddo che ha colpito gli Usa. Della battuta di arresto odierna ha risentito positivamente il nuovo Etc quotato a Borsa italiana, Boost Natural Gas 3x Short (Isin IE00B76BRD76), che va al ribasso con leva 3, scattato del 6,6%, dopo un crollo da oltre 60 euro a poco più di 30 euro nell’arco di un mese e mezzo. Oggi ha chiuso a 32,17 euro.

http://gentemoney.leonardo.it/lazione-del-giorno-partita-lipo-di-moncler-griffe-dei-piumini-conviene-aderire-pro-contro/