Borse: movimenti, novità e consigli di acquisto.

Complici ancora una volta i timori di una svolta nella politica monetaria statunitense, con il relativo annuncio previsto già la settimana prossima, i listini di tutta Europa registrano soltanto segni negativi, con gli investitori che continuano a preferire i realizzi dopo la corsa degli ultimi mesi. Anche Wall Street è debole, ma il Nasdaq ha viaggiato per buona parte del pomeriggio italiano in zona verde, sebbene con un modesto segno più. Sul Ftse Mib (-0,94%) ribassi accentuati per Banca Popolare Emilia e Romagna, Prysmian, Autogrill, Saipem e Banca Popolare di Milano; il fattore debolezza dell’euro è la causa primaria dei cali dei titoli con forti business oltre Oceano. La BCE sostiene di non poter intervenire con azioni dirette e così l’ultimo vero baluardo per la nostra economia – l’industria che esporta – ne risente pesantemente. E se i “forconi” prendessero la strada di Francoforte?

L’AZIONE DEL GIORNO

In un contesto così fragile l’azione meglio impostata in Italia è stata A2A (+3,5%), multiutilty di cui i Comuni di Milano e Brescia intendono alleggerire le proprie posizioni di controllo, cedendo il 5% del capitale, il che avverrà l’anno prossimo a un prezzo stabilito nella media di Borsa degli ultimi sei mesi. A2A si è anche avvantaggiata delle previsioni di un ottimo quarto trimestre relativamente al business (nella foto l’impianto di teleriscaldamento di Bergamo).

E’ da comprare? Aver superato il livello di 0,80 euro è certamente un fattore positivo per A2A, che da ottobre vive però una fase poco favorevole. Il rimbalzo di oggi ricarica il titolo, benché la tendenza resti negativa.

Trend: probabile volatilità nelle prossime sedute – Supporti chiave: 0,767 e 0,73 euro – Resistenza: 0,834 euro.

Altri titoli in evidenza: azione del giorno è stata pure (ma in negativo!) la francese Peugeot (-8,4%), in forte calo a causa di una svalutazione degli attivi per 1,1 miliardi di euro e della conferma di un futuro aumento di capitale. Positivo oltre Oceano il rientro in Borsa di Hilton (sigla HLT al Nyse), che faceva registrare alle 18,00 una performance del +7,6%.

L’ETC DEL GIORNO

Star al ribasso oggi l’argento, crollato (-4,4%) sui mercati delle commodities. E l’effetto è stato assolutamente positivo (+12,6%) per l’Etc Boost Silver 3x Short (Isin IE00B8JG1787), che opera con una performance giornaliera pari al triplo di quella inversa, cioè al ribasso, della relativa materia preziosa. Naturalmente è espresso in dollari Usa e – introdotto a fine novembre alla Borsa di Milano – ha finora segnalato un’elevata volatilità, confermandosi ottimo strumento per chi vuole operare short sul silver.