Movimenti, novità e consigli di acquisto sul mercato degli strumenti finanziari quotati.

E’ il settore petrolifero e in particolare il gigante Petrobras (+8%) ad aver spinto nella seduta di oggi il listino brasiliano (Bovespa, nella foto), tornato ai livelli della primavera. Manca ancora un buon margine per rivedere i massimi di gennaio, ma l’incubo di un crollo, vissuto a giugno, appare lontano. Ne traggono vantaggio i corrispondenti Etf quotati alla Borsa di Milano: il DB X-Trackers Msci Brazil è salito dell’1,76% e l’Ishares Msci Brazil dell’1,62% . Il DB quota sui 37,4 e da inizio anno ha registrato una performance negativa dell’11,5%. Attenzione però al fatto che è espresso in dollari Usa. L’Ishares prezza a 29,78, con una performance negativa equivalente (-11,4%) e anche per questo Etf vale la stessa annotazione, riferita alla moneta Usa. Nel loro caso infatti l’indice di riferimento è l’Msci Brazil Trn Index, espresso appunto in dollari. Meno brillante il Lyxor Brazil (+0,69%), che però ha come valuta di denominazione  l’euro e come sottostante il real brasiliano, in cui è calcolato l’indice di riferimento. Da inizio anno ha perso il 20,2%: non per scelte gestionali, ma per l’impatto dei cambi.

IL FATTORE VALUTARIO IN CERTE CONDIZIONI E’ DECISIVO

Proprio il caso del Brasile conferma come sia risolutiva, nella scelta dell’Etf con cui si vuole cavalcare un certo mercato, la strategia valutaria, che dipende da prodotto a prodotto e in base all’indice di riferimento. In fase di forti movimenti delle divise, come sta succedendo da alcuni mesi, l’alternativa può rivelarsi positiva o negativa come rendimento, ma di questo fattore gli investitori spesso non tengono conto, puntando il mirino solo sul trend della Borsa di riferimento. E l’esempio del Giappone e del maggiore o minore rendimento degli Etf riferiti al Paese è un’ulteriore dimostrazione che la valutazione delle monete (cambio protetto o cambio non protetto nei confronti dell’euro oppure indice espresso in una valuta o in un’altra) è decisiva quanto quella dei mercati.

photo credit: Longo Miquelito via photopin cc