Dalla Borsa di Milano e da quelle di tutto il mondo un titolo in evidenza. Ecco perché lo abbiamo scelto

Giornata davvero negativa per i mercati borsistici europei, sull’onda delle preoccupazioni riferite allo stato di salute delle banche, dopo le dichiarazioni di Draghi, secondo il quale la Bce non avrà esitazioni a bocciare quelle che non passeranno gli stress test previsti per i prossimi mesi. Il problema coinvolge l’Italia, ma preoccupa tutti, a cominciare dai tedeschi. Un vero segnale di forza è giunto solo dalla francese Peugeot – quotata a Parigi con l’Isin FR000012150. Ha chiuso la seduta con un +3,3%, ma aveva fatto registrare in mattinata progressi più consistenti. Il perché è presto spiegato: le condizioni di salute dell’azienda sono difficili ed ecco sorgere all’orizzonte due salvatori: uno inatteso fino a pochi giorni fa, ovvero il gruppo cinese Dongfeng, partner per le attività oltre la Grande Muraglia; e uno scontato, cioè lo stesso Stato francese, che d’altra parte siede nel consiglio di amministrazione dopo il salvataggio della banca del gruppo. Nel frattempo verrebbe accantonata la collaborazione in atto con il gigante americano General Motors.

COSA DICE L’ANALISI TECNICA

Lo scatto di oggi si inserisce in trend negativo, iniziato il 9 ottobre. Il titolo sta muovendosi fra un supporto a 9,95 euro e una resistenza a 12,74 euro. Il consistente rimbalzo estivo è stato per ora intaccato solo marginalmente, ma gli analisti sono concordi nel prevedere che lo sprint odierno non è sufficiente a modificare l’orientamento al ribasso. Tutto questo vale solo se prosegue una situazione confusa quale l’attuale. Certamente un annuncio di entrata nel capitale della società di nuovi soci forti potrebbe modificare radicalmente il quadro di fondo. Questo titolo va quindi monitorato, perché potrebbe riservare buone performance quando o Dongfeng o Parigi, oppure più probabilmente entrambe, si siederanno al volante della marca del Leone.

photo credit: N i c o_ via photopin cc