Molti istituti di credito hanno lanciato – negli ultimi anni – pacchetti “tutto incluso” per i nuovi correntisti. Di fatto questa formula prevede una serie di servizi compresi nel canone. La soluzione può anche convenire, ma solo se si è in grado di verificare con attenzione che cosa ogni singola iniziativa offre. Spesso infatti le banche includono nel canone del conto corrente prestazioni apparentemente utili ma che poi nella pratica quotidiana non vengono sfruttate.

Ecco allora che è meglio accertare in maniera dettagliata che cosa comprende il “pacchetto”, per non ritrovarsi successivamente a pagare oneri piuttosto elevati per servizi essenziali. Qualche esempio? Le operazioni di cassa eseguite presso gli sportelli. In molti casi sono escluse o limitate a un certo numero. Oppure prelievi da Bancomat di altre banche. E via di seguito! Meglio allora rivolgersi a una banca disponibile a trattare sui servizi realmente necessari e a comprenderli in un canone adeguato alle esigenze del singolo cliente.

photo credit: daturi via photopin cc