Con il perdurare di bassi tassi di interesse e di cedole di titoli di Stato e obbligazioni in generale insoddisfacenti, dove cercare un po’ di rendimento nel reddito fisso? In questa fase dei mercati finanziari, con le azioni che sembrano offrire migliori prospettive dell’investimento obbligazionario, una risposta sono le obbligazioni convertibili.

CHE COSA SONO E COME FUNZIONANO

Nella forma più semplice e diffusa si tratta di titoli che pagano un interesse come tutte le obbligazioni, ma che alla scadenza possono essere convertiti in azioni della società che le ha emesse. E’ evidente che in caso di buon andamento dell’azione il valore dell’obbligazione convertibile sale, mentre in caso di andamento negativo dell’azione restano comunque il rendimento della cedola e la garanzia del rimborso del capitale a scadenza come una qualunque altra normale obbligazione.

I VANTAGGI

Secondo Stefan Keitel, capo degli investimenti del Credit Suisse, le obbligazioni convertibili sono un investimento attraente perché “offrono la protezione di un’obbligazione societaria e nello stesso tempo danno all’investitore la possibilità di beneficiare della crescita del prezzo dell’azione. L’utilizzo delle convertibili aumenta la diversificazione e il rendimento potenziale”.

PERCHE’ SONO INTERESSANTI ADESSO

In una situazione dei mercati finanziari come quella attuale, appunto di bassi tassi di interesse e quindi di rendimenti limitati delle obbligazioni, a fronte di una tendenza migliore delle Borse, l’introduzione di una quota di convertibili nel portafoglio a reddito fisso può rappresentare, con un aumento limitato del rischio, un’alternativa alla “rotazione” dall’obbligazionario all’azionario di una parte dell’investimento. Nei suoi incontri con gestori e grandi clienti – anche ieri a Milano – lo suggerisce in questa fase Maurizio Pedrini, responsabile mondiale del reddito fisso del Credit Suisse; sottolineando che le convertibili, oltre che uno strumento molto globale che porta diversificazione nel portafoglio, sono anche l’unico segmento del reddito fisso che non risulta “sovrainvestito”: come lo sono, per esempio, le obbligazioni dei mercati emergenti o le obbligazioni high yield (ad alto rendimento).

COME SI INVESTE

Come si investe nelle convertibili? Per ottenere una buona diversificazione acquistando direttamente i titoli occorrono grande competenza e notevoli capitali. Meglio optare allora per i fondi comuni specializzati, che per investimenti di importo limitato assicurano grande diversificazione e controllo del rischio. Ecco, nella tabella che segue, i migliori strumenti che investono in Europa.

FONDI OBBLIGAZIONARI CONVERTIBILI EUROPA
rendimento in %
nome del fondo DA 1/1/2013  1 ANNO  3 ANNI
UBAM Convertibles Euro 10-40 6,16 10,04 19,68
Allianz Convertible Bond 7,02 10,02 19,47
Parvest Convertible Bond Europe Small Cap 2,98 4,33 19,17
UBAM Convertibles Europe 9,33 11,75 19,07
Parvest Convertible Bond Europe 7,20 9,67 18,93
DNCA Invest Convertibles 6,73 9,16 18,73
UBS (Lux) Bond Fund – Convert Europe 7,02 11,04 17,39
Aberdeen Global II European Convertibles 6,39 8,88 17,36
Popso (Suisse) Ifs  Global Convertible Bond 8,86 9,73 17,16
Amundi Funds Convertible Europe 6,74 8,06 16,62
Jefferies Umbrella Fund Europe Convertible 5,53 6,41 15,47
Oddo Convertibles 4,83 7,38 14,74
EdR Europe Convertibles 9,17 14,01 14,18
NEF European Convertible Bonds 11,68 11,47 10,94
Dexia Bonds Europe Convertible 6,79 10,77 10,33
BNP Paribas L1 Conv.Bond Best Sel.Europe 6,00 10,35 10,29
Nordfondo Obbligazioni Convertibili 4,98 7,40 9,72
LFP Convertibles Dynamique 4,97 7,21 6,59
R Conviction Convertibles Europe 11,89 16,44 5,47
Generali IS Euro Convertible Bonds 6,00 8,53 4,32

photo credit: 401(K) 2013 via photopin cc