Un investimento permanente, una tipologia di titoli da avere sempre nel portafoglio degli investimenti azionari. E’ questa la raccomandazione ai risparmiatori sulle small e mid cap, le società quotate di piccola e media capitalizzazione di Borsa, espressa da William Sharp (nella foto), advisor di Syz Asset Management che segue il fondo Oyster European Mid & Small Cap .

La sua convinzione si basa non soltanto sul fatto che le azioni delle società di queste dimensioni rendono di più nel medio lungo termine perché sono spesso società meno conosciute (e quindi meno seguite dagli analisti), quanto piuttosto su una crescita semplicemente più robusta rispetto alle large cap (le societyà più grandi) e alla media di mercato. “Le piccole e medie imprese – spiega – si sviluppano più rapidamente dei grandi gruppi, il che a lungo termine si traduce spesso in una performance superiore. L’effetto di scala ovviamente contribuisce, ma il motore principale è il loro dinamismo, una qualità che i grandi gruppi, appesantiti dalla struttura, spesso hanno perso. I 16.000 titoli secondari che troviamo sul mercato europeo offrono inoltre una maggiore diversità di situazioni e di attività, una migliore rappresentatività dell’economia in generale e perciò maggiori opportunità d’investimento”

“Un ultimo elemento, essenziale – sottolinea William Sharp – sta nel fatto che è più facile trovare tra le medie e piccole delle aziende ‘pure play‘, attive cioè soltanto in un singolo business, e questo permette di giocare pienamente la carta dell’investimento  quando si decide di puntare su quello specifico business. Infatti, se si vuole investire nell’energia eolica o nella vendita di abbigliamento on line, è difficile farlo con le grandi conglomerate, dove l’impatto necessariamente risulta diluito dalla compresenza di tanti altri business.  L’eolico, per esempio,  rappresenta solo il 7.5% del fatturato della Siemens, che a livello mondiale è comunque una delle maggiori protagoniste. Meglio allora scegliere una società più piccola e ‘specializzata’ come la danese Vestas, che in questo settore realizza il 100% del suo fatturato” .

 QUESTE SOCIETA’ VALGONO L’INVESTIMENTO

William Sharp GenteMoney.it ha chiesto di indicare alcuni dei migliori titoli che presentano tutte queste caratteristiche e che sono stati selezionati per il fondo Oyster European Mid & Small Cap. Eccoli:

- Easyjet (UK, compagnie aeree): società vincente nel settore aereo grazie al suo ottimo posizionamento per il basso costo dei servizi offerti.

- Eurofins Scientific (FR, sanità): è impegnata nel controllo della sicurezza alimentare, un settore in forte ascesa.

- Pandora (Danimarca, lusso): sta recuperando dopo un il drammatico profit warning (annuncio di profitti inferiori alle attese) nel 2011.

- Vestas (Danimarca, energie rinnovabili): sostanziali miglioramenti nelle gestione dei costi e nella redditività che aumenteranno ulteriormente grazie alla  forte crescita degli ordini

- Opera Software (Norvegia, tecnologia): browser Internet con una quota di mercato molto elevata nei mercati emergenti. Un player che sa sfruttare al meglio il crescente mercato dei pagamenti tramite strumenti mobili (smartphone e tablet). Con’acquisizione di Skyfire dispone una tecnologia leader nell’ottimizzazione video.

- Greencore (Irlanda, Food & Beverage): sviluppato in Irlanda nel segmento del “cibo comodo” (take-away e pranzi preconfezionati), è stato selezionato da Starbucks in qualità di partner fornitore: una nuova importante opportunità per aumentare i volumi e i margini a medio lungo termine.