Sono stati i protagonisti del settore obbligazionario negli ultimi anni: i cosiddetti covered bond si confermano proprio quello che il nome lascia intendere, cioè dei bond garantiti. Emessi dalle banche, come possono esserlo? Rappresentano dei prodotti che si appoggiano su sottostanti garanzie reali, grazie al vincolo di una parte di attivo patrimoniale attraverso una “società veicolo”. Un linguaggio difficile? Detto in termini meno tecnici, sono protette da crediti garantiti, con flussi di interessi e rimborsi su prestiti soprattutto immobiliari. Di fatto rappresentano la risposta alla crisi degli anni 2008-2009 e costituiscono un settore ad alta valutazione da parte delle agenzie di rating: quasi sempre AAA, cioè come la Germania, pur essendo emessi da banche con rating spesso molto più bassi.

GESTIONE ATTIVA

E’ evidente che le cedole dei covered bond sono basse, perché si tratta di prodotti super affidabili. Ora però Pimco, maggiore gestore di obbligazioni del mondo, e Source, provider specializzato in Etf, lanciano sul mercato europeo – quotandolo alla Borsa tedesca di Francoforte (nella foto)  – un prodotto a gestione attiva, l’Etf Pimco Covered Bond Source (Isin IE00BF8HV717). In effetti il problema per gli investitori è stato finora quello che i covered bond hanno livelli di entrata alti (comunemente il minimo è 100.000 euro), comportando ostacoli per chi non disponga di capitali così elevati. Con un Etf il problema è superato; inoltre si ha il vantaggio di una gestione attiva, in cui c’è la possibilità di muovere i titoli in funzione dell’andamento dei mercati. Un’altra caratteristica importante è che questo Etf distribuisce dividendi a cadenza mensile, garantendo un buon flusso di liquidità in entrata.

PER SUPER PRUDENTI

L’Etf sui covered bond è adatto a investitori alla ricerca di sicurezza, ma con la garanzia di una gestione realizzata da professionisti del settore. In presenza di un mercato finanziario in cui la situazione dei tassi di interesse è incerta per il futuro, disporre di un “pilota” diventa particolarmente importante.

photo credit: Astrid Kopp via photopin cc