Davvero un’altra strana giornata in Borsa e specialmente a Piazza Affari, partita male, perché appesantita da consistenti cali delle banche, e che poi ritrova invece un ottimo sprint (+1,49% a 21.935 punti), grazie alla pressione rialzista del resto dell’Europa e soprattutto del Dax tedesco. Quanto sta avvenendo nel settore farmaceutico, già protagonista negli ultimi mesi, serve certamente a imprimere forza ai listini, nella speranza di operazioni simili in altri settori. Cosa è accaduto? La svizzera Novartis (nella foto un ricercatore al lavoro) ha annunciato di aver acquisito la divisione oncologica di GlaxoSmithKline per 16 miliardi di dollari e di aver ceduto contemporaneamente al gruppo inglese la propria divisione vaccini per 7,1 miliardi. Proprio nelle stesse ore sono circolate indiscrezioni di un’offerta da 100 miliardi di dollari per l’acquisizione di AstraZeneca da parte del colosso Usa Pfizer. Giganti che diventano quindi ancora più giganti in un mondo, quello dei farmaci, solitamente buon distributore di dividendi. Torniamo a Piazza Affari, di nuovo a ridosso dei 22.000 punti. Questa volta ce la farà a lasciarli dietro di sé?

FANTASTICO CAFFE’! OGGI FA SEMPLICEMENTE SCINTILLE

Non capita spesso di trovare Etc in rialzo – in una sola giornata – di ben il 16%. E’ avvenuto oggi all’Etfs Daily Leveraged Coffee (a leva 2), con il l’Etfs Coffee a replica lineare in rialzo del 7,5%. Il future sul caffè è tornato infatti sui massimi, dopo una fase correttiva. E le banche d’affari prevedono ulteriori rialzi nell’immediato futuro, ancorché con valutazioni discordanti. E’ quindi più corretto prevedere una certa volatilità, ma l’International Coffee Organization, organismo che controlla il settore, valuta il mercato in pressione rialzista, grazie a una domanda in crescita per almeno due anni.

photo credit: Novartis AG via photopin cc