I movimenti di ieri per capire quelli di oggi: prima dell’apertura dei mercati, l’analisi della giornata precedente.

Quando si analizzano i movimenti di un Etf o di un Etc è opportuno distinguere tra prezzo di mercato e Net Asset Value (NAV). Il primo è determinato dall’incontro della domanda e dell’offerta, mentre il secondo rappresenta il valore del sottostante. Non sviluppiamo ulteriormente un argomento così complesso, anche perché sulla formazione dei prezzi intervengono altri fattori. Ma questa precisazione è opportuna dopo una giornata a Borsa Italiana in cui si è assistito a un fenomeno apparentemente strano: l’Etc Etfs Cocoa (cacao) ha chiuso in leggero calo (-0,32%, ultimo scambio alle ore 17,24), l’Etfs Leveraged Cocoa ha perso l’1,56% (ultimo scambio alle ore 15,05) e l’Etfs Short Cocoa (che guadagna dalla discesa dei prezzi) ha lasciato sul terreno l’1,11% (ultimo scambio alle 10,58), mentre il relativo future (dicembre 2013) ha chiuso la giornata – ma con orari Usa – in crescita dell’1%. Per i prodotti sia al rialzo sia al ribasso il segno è stato quindi negativo. Questa situazione fa capire come, quando si esamina l’acquisto di strumenti finanziari così eterogenei, occorre valutare vari aspetti: fra essi la liquidità, verificabile in diversi modi, ma che proprio nell’orario dell’ultimo contratto trova un accertamento semplice da utilizzare. Può infatti capitare che l’alternanza delle quotazioni del sottostante – nel nostro caso il future sul cacao – porti a situazioni quale quella esposta, apparentemente illogiche ma in effetti corrette.

IL FTSE MIB VIAGGIA E GLI ETF A LEVA VOLANO

Bene i prodotti levereggiati “long” (al rialzo) sul Ftse Mib, che ha segnato un +1,33%: l’Etfx Leveraged (2x) è avanzato del 3,03% e il Lyxor Leveraged del 2,17%. Bene anche le utilities a livello europeo, con l’Amundi Msci Europe in alto dell’1,74% e il Lyxor Europe 600 dell’1,73%. Nella sola Germania due azioni leader del settore, Rwe ed E.On, sono avanzate rispettivamente del 6,57% e del 4,79%, spingendo tutto il comparto delle imprese di servizi pubblici. Fra gli Etf le delusioni hanno riguardato i Paesi emergenti, con il Lyxor Brazil in calo del 2,94% e il DB X-Trackers Msci Indonesia del 2,38%.

IL CAFFE’ DA’ UN SEGNALINO DI RISVEGLIO. QUANTO DURERA’?

Fra gli Etc – riferiti alle materie prime – mini rimbalzo dell’Etfs Leveraged Coffee, in continuo calo – assieme allo strumento sul caffè senza leva (Etfs Coffee) – dal marzo del 2011. Ieri è salito del 2,26%, ma prima di festeggiare con un bell’espresso ci vorrà forse del tempo. Si tratta di un minimo risveglio, che deve trovare ben altre conferme per far sperare nell’avvio di un trend al rialzo.

photo credit: Ciccio Pizzettaro via photopin cc