I movimenti di ieri per capire quelli di oggi: prima dell’apertura dei mercati, l’analisi della giornata precedente.

Quello che è successo ieri alla Borsa di Milano conto poco, perché l’evento importante è accaduto quando i listini europei erano chiusi. Il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke (nel disegno) ha parlato e ha smentito ogni previsione sull’avvio immediato del cosiddetto “tapering”, cioè del rallentamento nell’acquisto di titoli del Tesoro americano e bond ipotecari da parte della banca centrale americana. Istantanee le reazioni, con una spinta al rialzo delle quotazioni di Wall Street, ma soprattutto con un rimbalzo – davvero inatteso – di oro e altre materie prime; e soprattutto con un immediato rinnovato interesse nei confronti dei mercati emergenti. L’effetto si vedrà quindi oggi a livello di Etf ed Etc. L’oro è balzato del 2,5%, l’argento addirittura di oltre il 4%, mentre l’esito è stato molto più limitato per le materie prime agricole, condizionate da altri fattori. Anche il petrolio è andato su, proprio quando tutti gli indicatori lo vedevano in netto ripiegamento. E che l’accelerazione sia venuta da Bernanke lo conferma il grafico del future quotato a New York, sobbalzato in concomitanza con l’annuncio del “no tapering”.

PAROLE PRUDENTI

La Fed non è sembrata davvero interessata a dare segnali di premura nell’avviare l’operazione, confermando ancora una volta che saranno i dati sull’occupazione e sull’inflazione a determinare la politica monetaria nei prossimi mesi e anni. C’è quindi da attendersi che lo slittamento prosegua al minimo fino a dicembre, ma – secondi alcuni commentatori – addirittura veda la data del 2014.

L’ETN GOLD TORNA NEI RANGHI

Ieri avevamo segnalato l’anomalo scostamento del Lyxor Etn Gold rispetto all’andamento del sottostante fatto registrare lunedì. Nella seduta di martedì la sua quotazione è tornata ad allinearsi con valori più realistici, facendo segnare un -7,75%, ma soprattutto rientrando su spread accettabili fra prezzo di vendita e prezzo di acquisto.

photo credit: osipovva via photopin cc