Dopo aver organizzato i mondiali di calcio, il Brasile si appresta ad affrontare un appuntamento politico interno molto importante: le elezioni presidenziali. Guardando agli ultimi sondaggi possiamo osservare come vi sia una forte incertezza su quale candidato possa vincere tra i due principali, la leader del Partito dei Lavoratori Dilma Rousseff (attuale presidente del Brasile) e la combattiva rappresentante del Partito Socialista Marina Silva (nella foto)

Il 5 ottobre i cittadini brasiliani si ritroveranno alle urne per votare il proprio candidato favorito. Al primo turno, a meno di colpi di scena dell’ultima ora, non ci dovrebbe essere alcun leader in grado di raggiungere il 50% delle preferenze. Si andrà così al 26 ottobre (secondo turno delle elezioni) dove ci sarà il ballottaggio tra i due candidati che avranno preso più voti nel primo turno. Nell’ultimo sondaggio dell’istituto di ricerca Ibope, proprio al secondo turno, Dilma Rousseff e Marina Silva sono a pari merito con il 41% dei consensi.

La Rousseff, nelle ultime settimane, è riuscita a recuperare terreno nei confronti della ex raccoglitrice di gomma Marina Silva (in vantaggio nei precedenti sondaggi) e i mercati non sembrano apprezzare. La valuta locale, il real brasiliano, in concomitanza con il recupero nei sondaggi dell’attuale presidente, dopo un periodo di forza (ma già GenteMoney.iti suggeriva prudenza) ha iniziato a mostrare un forte ribasso nei confronti delle principali valute internazionali. Crediamo, infatti, che l’eventuale vittoria di Marina Silva porterebbe benefici importanti sull’economia sudamericana grazie al lancio di una serie di riforme strutturali necessarie per rilanciare la crescita economica nel paese verde-oro. Il Brasile, infatti, durante l’amministrazione Rousseff ha mostrato una crescita del PIL molto deludente, comprese tra l’1 e il 2,5%, ben inferiore agli aumenti a doppia cifra degli ultimi decenni.

Per chi fosse intenzionato a investire nei mercati brasiliani (valutari, obbligazionari o azionari), consigliamo di essere molto cauti perché la volatilità potrebbe aumentare notevolmente nelle prossime settimane, creando i presupposti per interessanti opportunità di profitto ma anche un forte aumento dei rischi associati.

Per maggiori informazioni:

https://www.ig.com/it/

photo credit: msilvaonline via photopin cc