Una è svizzera ma è leader mondiale nel campo dell’alimentazione. L’altra è francese ed è uno dei grandi marchi della farmaceutica a livello internazionale. In comune Nestlè e Sanofi (foto) hanno un interessante potenziale di rialzo in Borsa a 12 mesi in base alle ultime analisi degli esperti di Morgan Stanley Research Europe:   il 15% Nestlé e  28% Sanofi rispetto alle attuali quotazioni di Borsa ,

NESTLE’

Una maggiore attenzione alla allocazione del capitale e una crescita più rapida dei flussi di cassa. Sono questi i principali elementi che gli esperti di Morgan Stanley mettono in risalto nella valutazione del colosso alimentare elvetico i cui utili per azione (eps) dovrebbero salire del 7% nel 2014 e di un ulteriore 9% nel 2015, proiettando il rapporto prezzo/utili dal 17,6 corrente, al 16,4 nel prossimo anno e al 15,1 nel 2015. La raccomandazione è confermata Overweight (OW, sovrappesare in portafoglio) con un prezzo obiettivo di 71 franchi svizzeri per azione, il 15% in più dei 61,6 franchi di apertura del titolo stamani a Zurigo. Il dividendo annuo, inoltre, dovrebbe lievitare dal 3,6% di quest’anno al 3,9% del 2014 e al 4,2% del 2015.

SANOFI

Gli analisti Peter Verdult, Amy L Walker e Chris Eccles, del team healthcare di Morgan Stanley Research Europe, sono appena tornati dall’incontro con la divisione R&S (ricerca e sviluppo) del gigante farmaceutico francese e hanno avuto conferma che gli investimenti continueranno a essere sostenuti anche perché i nuovi prodotti cominciano a produrre interessanti margini. L’Ebitda (magine operativo lordo) di Sanofi è previsto infatti in aumento dai 10,9 miliardi di quest’anno agli 11,7 del 2014 e ai 13,1 del 2015 con ricadute positive sui profitti netti aziendali che dovrebbero portare il rapporto prezzo /utili, attualmente al 14,1, al 12,8 l’anno prossimo e all’11,3 nel 2015. Anche il dividendo ai soci, già generoso quest’anno (3,9%), salirà al 4,1% nel 2014 e al 4,4% l’anno successivo. Anche in questo caso il giudizio sul titolo è OW overweight (sovrappesare) con prezzo obiettivo di 95 euro per azione, cioè il 27,8% in più rispetto ai 74,28 euro con i quali ha aperto stamani sul listino parigino.

photo credit: 96dpi via photopin cc