Ieri Twitter ha compiuto la sua prima settimana di quotazione in Borsa al NYSE con un bilancio molto positivo: collocato a 26 dollari ha chiuso ieri a 44,69 dollari (+71,8%). Certo ha lasciato sul terreno qualcosa dopo il boom del primo giorno di quotazione, quando i prezzi sono arrivati a lambire i 50 dollari, ma chi lo ha sottoscritto in collocamento ha ottenuto una notevole plusvalenza.

GenteMoney.it  ha voluto verificare se a questo punto sia ancora il caso di mantenere in portafoglio il titolo oppure se preferirgli qualche concorrente del web. Utilizzando i prezzi obiettivo medi degli analisti che seguono il settore, la risposta è:  sarebbe meglio vendere il titolo Twitter e posizionarsi invece su Linkedin (che ha un margine di rialzo potenziale a 12 mesi del 19,8%) o su Facebook (+18,2% il suo guadagno stimato nei prossimi 12 mesi). Non male neppure la scelta di Groupon (che potrebbe salire del 10,7%) o di Google (+10,2%) mentre acquistando i titoli Yelp, (+2,9%) e Zynga (-4,6%) non si farebbe un grosso affare.

PER GLI ANALISTI MEGLIO LINKEDIN E FACEBOOK
prezzovaluta    prezzo obiettivorialzo potenziale
Twitter44,69Usd39,22-12,2%
Linkedin corp221,44Usd265,219,8%
Facebook48,99Usd57,9218,2%
Groupon10,72Usd11,8710,7%
Google1035,23Usd1140,510,2%
Yelp 67,25Usd69,182,9%
Zynga3,91Usd3,73-4,6%

photo credit: Gavin Llewellyn via photopin cc