La sfida tra i colossi della riassicurazione europea lo vince Muenchener Rueckversicherungs (abbreviato Munich Re, nella foto la storica sede). Per James Shuck, analista di Ubs, infatti, il titolo Munich Re è da comprare (buy) con target price (prezzo obiettivo) di 177 euro per azione (il 12% in più di quanto tratti ora sul listino di Francoforte) mentre il giudizio sul titolo Swiss Re è neutrale (mantenere ma non comperare) con prezzo obiettivo a 83 franchi svizzeri per azione (cioè solo il 3% in più dell’ attuale prezzo in Borsa).

Secondo Shuck, Munich Re ha un migliore profilo di rischio/rendimento; sconta anche una performance in Borsa negli ultimi 12 mesi del +26,2% contro il +32,9% di quella messa a segno da Swiss Re. Munich Re inoltre è ben impostata sul mercato riassicurativo europeo dopo la decisione strategica di posizionare il fulcro della propria attività nel Property & Casuality (P&C), segmento più reattivo alle dinamiche del mercato. Sotto l’aspetto dei dividendi, invece, entrambi i titoli sono molto generosi con i propri soci. Anzi, secondo Shuck saranno in grado di distribuire cedole ancora più ricche nei prossimi anni. In particolare il rendimento da dividendo di Munich Re, dovrebbe  passare dal 4,7% del 2013 , al 5,0% del 2014 e al 5,2% del 2015 mentre quello di Swiss Re dovrebbe crescere dal 5,1% di quest’anno al 5,4% del 2014 e al 5,6% del 2015.