Metro, titolo tedesco quotato a Francoforte, può salire ancora dopo aver fatto quasi +50% da inizio anno? Se sinora non avete monetizzato il guadagno, e non intendete farlo adesso, è un titolo  che si può tenere a lungo, solido, con prospettive di ulteriore (moderata) crescita e un buon dividendo. Se non lo avete, il suggerimento degli esperti di GenteMoney è di acquistarlo in fasi di ribasso o di debolezza del prezzo. Il giudizio sulla società degli analisti internazionali è comunque positivo. Metro rimane per esempio uno dei titoli top tra le scelte della banca d’investimenti Morgan Stanley nel settore della grande distribuzione e cash & carry.  E’ il secondo gruppo in Europa, presente in 30 Paesi di Europa, Asia e Africa con diversi marchi (tra gli altri anche Saturn nell’elettronica).

E SE VENDESSE ATTIVITA’ NON STRATEGICHE…

Un fattore chiave per la quotazione in Borsa sarà probabilmente  l’accelerazione del processo di M&A (fusioni e acquisizioni) in Europa, all’interno del quale Morgan Stanley ritiene che Metro possa essere uno dei maggiori beneficiari  grazie a potenziali dismissioni non strategiche. In particolare Morgan Stanley guarda a ciò che potrebbe significare la cessione di asset per la struttura fiscale del gruppo e per il potenziale di crescita dell’utile per azione e per la generazione di flusso di cassa. Edouard Aubin, analista di Morgan Stanley che ha esaminato il titolo, ha assegnato il giudizio OW (overweight, sovrappeso) all’azione Metro con prezzo obiettivo 33 euro, il 7% in più dell’attuale quotazione alla Borsa di Francoforte. Occorre poi aggiungere, in ottica di investimento, un dividendo annuo del 3,2%.

Secondo altri analisti, però, Metro ha già corso molto, per qualcuno troppo: il 47,1% da inizio anno e il 58,8% negli ultimi 12 mesi. Anche per questo, la valutazione media del titolo Metro in base ai report degli ultimi due mesi, non va oltre i 26,4 euro per azione con un massimo di 35 euro da parte degli analisti di Baader Bank e un minimo di 22 euro per azione espresso dagli esperti di settore  di Oddo & Cie.