Meglio H&M o Zara? Non è la domanda di un sondaggio tra  i consumatori sotto Natale, ma l’interrogativo a cui hanno cercato di rispondere  in chiave di opportunità di investimento Simon Irwin, Kiranjot Grewal e Andrew Kasoulis dell’Equity Research del Credit Suisse. I tre analisti hanno esaminato la svedese Hennes & Mauritz (H&M, nella foto) e  la spagnola Inditex, cui fa capo il marchio di abbigliamento Zara (oltre, tra gli altri, a Pull & Bear, Bershka, Massimo Dutti, Oysho).

La risposta è senza appello: meglio H&M. Il titolo del gruppo svedese di abbigliamento è stato valutato infatti outperform (farà meglio della media della Borsa) e giudicato il favorito per il 2014 nel settore abbigliamento con un prezzo obiettivo di 315 corone svedesi per azione, il 10% in più di quanto scambi attualmente a Stoccolma. Il giudizio deriva sia dalle prospettive del fatturato, previsto in crescita del 25% nei prossimi due esercizi, sia dei profitti netti, che dovrebbero accelerare del 32% in due anni). Buono anche il dividendo agli azionisti, che dovrebbe crescere dal 3,42% di quest’anno, al 3,72% del 2014 al 4,25% del 2015.

I tre analisti hanno invece attribuito a Inditex un giudizio underperform (andamento inferiore alla media di mercato) con un prezzo obiettivo a 12 mesi di 93 euro per azione, il 16% in meno rispetto alla quotazione attuale sul listino di Madrid.

photo credit: thinkretail via photopin cc