Un buon dividendo anno e la potenzialità di un guadagno dell’11% nei prossimi 12 mesi. E’ questa la prospettiva di chi investe oggi  nel titolo Michelin (o lo ha già) in base a uno studio di Ubs. Philippe Houchois, David Lasne e Laro Eslada, esperti della Global Research equities della banca svizzera, hanno attribuito un giudizio buy (acquistare) al titolo del colosso francese degli pneumatici, con un prezzo obiettivo di 86 euro per azione, il 14% in più dell’attuale quotazione sul listino di Parigi.

Secondo i tre analisti, dopo il rallentamento nell’attuale esercizio (fatturato -4,1% e utili netti -3,1%), il gruppo francese riprenderà a crescere e dopo un 2014 di riorganizzazione (+2,5% l’aumento dei profitti attesi), e farà un 2015 in grande spolvero (+16%). L’aumento degli utili permetterà al rapporto prezzo/utili (p/e) di scendere dall’attuale 10,1 a 8,4 nel 2015 (e addirittura al 7,6 nel 2017), mentre grazie ai consistenti flussi di cassa attesi i debiti verranno azzerati:  da un passivo di 373 milioni stimato a fine dicembre di quest’anno la posizione finanziaria netta dovrebbe migliorare al punto da raggiungere un saldo attivo di 1,5 miliardi nel 2017. In aumento anche le cedole ai soci: il rendimento da dividendo dovrebbe passare dal 3,4% di quest’anno al 3,8% nel 2014, al 4,0% nel 2015 (fino al 5,6% nel 2017).

photo credit: myoldpostcards via photopin cc