Una società solida, con un ottimo dividendo annuo e un buon potenziale di rialzo a 12 mesi. Nonostante questo Matthew Grainger e David J. Adelman, analisti di Morgan Stanley hanno confermato il giudizio “equalweight” (peso neutrale in portafoglio) per Bat, British American Tobacco, quotata alla borsa di Londra (nella foto la sede italiana a Roma) I due esperti, alla luce dei dati del terzo trimestre, ammettono però che BAT si è dimostrato ancora una volta un gruppo capace di navigare con successo in un periodo di elevata debolezza del settore, registrando un incremento del 3,5% delle vendite da inizio anno e offrendo e facendo vedere buoni utili e i flussi di cassa. Il rapporto prezzo/utili (p/e) dovrebbe attestarsi al 15,4 quest’ anno, per poi scendere al 14,6 nel 2014 e al 13,2 l’anno successivo.

Il prezzo obiettivo che i due analisti di Morgan Stanley hanno attribuito al titolo Bat è stato fissato a 3.700 pence, il 7% in più di quanto quoti attualmente sul listino di Londra: a questo rialzo potenziale a 12 mesi occorre poi aggiungere il dividendo annuo del 4,53% lordo. Nell’analisi di Morgan Stanley, sono stati considerati anche lo scenario migliore (bull case, rialzista) e quello peggiore (bear case, ribassista): nel primo il valore del titolo potrebbe raggiungere quota 4.350 pence (+26% rispetto alle attuali quotazioni) mentre nello scenario neativo l’azione Bat potrebbe scendere fino a 2.750 pence (-20% rispetto ai prezzi odierni).